Angiolino Cotardo nacque il 26 dicembre 1922 a Castrignano dei Greci, paese ellenofono della provincia di Lecce. "Carità del natio loco" lo spinse a dedicarsi allo studio della lingua materna (il greco Salentino) e delle tradizioni popolari della sua terra. Nel gennaio del 1942, a 19 anni, soldato di leva, fu costretto ad interrompere gli studi a causa della seconda guerra mondiale per prendere parte alle operazioni svoltesi nei Balcani (Albania). Preso prigioniero dai tedeschi l'8 settembre 1943, fu deportato in Germania nel Lager VI  D di Dortmound. A guerra finita, rientrò in Italia e riprese gli studi iscrivendosi all' Istituto Orientale di Napoli dove conseguì la laurea in Lingue e Letterature Europee - Gruppo Europa Orientale - Sezione Balcanico - Danubiana (Greco Moderno) nell' anno1956/57. Discusse la tesi sui costumi e sulla lingua Greca del Salento che ebbe giudizi favorevoli dal noto Glottologo tedesco prof. G. Rohlfs dell' Università di Monaco di Baviera.
Fu discepolo dell' insigne grecista prof. Paolo Stomeo e per vari anni suo collaboratore. fece parte del comitato di redazione della rassegna "La Zagaglia". Iscritto all' Associazione provinciale della Stampa fu pubblicista su periodici locali e greci. Ebbe continui e diretti contatti con i circoli letterari ateniesi dove tenne numerose conferenze. Stabilì profondi legami che si protrassero per tutta la sua vita con studiosi greci con i quali approfondì problemi linguistici e letterari. Maestro elementare per quarant' anni nell' anno scolastico 1972/73 fu incaricato dal Provveditore agli Studi di Lecce  di sperimentare l' insegnamento della lingua greca e del folklore nelle scuole Elementari di Castrignano dei Greci. A seguito dei risultati positivi della sperimentazione fu emanata la circolare ministeriale che introduceva l' insegnamento del greco e del folklore, in via sperimentale, nelle scuole Elementari e nei doposcuola della Media dei paesi della Grecia Salentina. Dalla sperimentazione nacque la sua pubblicazione di maggior rilievo, la grammatica per l' apprendimento del greco Salentino e del greco moderno: "Glossa Grica" , pubblicata nel 1975. Instancabile difensore della lingua greca e delle tradizioni popolari della sua terra, si deve, in buona parte, alla sua attività e alle sue iniziative, il merito di aver tenuto desto l' interesse ai problemi della conservazione e valorizzazione del patrimonio idiomatico e culturale dei paesi greci di Terra d' Otranto al fine di arginare il continuo e rapido declino.

E morto il 15 dicembre 1987

 

Da: Castrignano dei Greci di: Angiolino Cotardo




Servizio Meteo destro

Di particolare importanza storico - religiosa è la cripta di S. Onofrio che prese il nome di un monaco eremita, venuto dalla lontana Tebaide, antica provin

...
               Invia una WebCard

                 

 

TerreNiureBonsai=

TerreNiureBonsai



 Visitate la pagina Facebook di castrignanodeigreci.it! Diventate fan... condividete... interagite... e fatela conoscere ai vostri amici
Facebook Page

Licenza Creative Commons
castrignanodeigreci.it è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Based on a work at http://www.castrignanodeigreci.it.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso http://www.castrignanodeigreci.it Contatti

castrignanodeigreci.it on Google+ Segui anche su Google+
Per seguire su Google è sufficiente andare sulla pagina "Castrignano dei Greci" e cliccare "Aggiungi alle cerchie".

JSN Mico template designed by JoomlaShine.com
facebook

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti. Continuando la navigazione o accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni su Cookie Policy clicca qui.

  Accetto i cookie da questo sito.
EU Cookie Directive Module Information